Presentati al MISE i due studi di fattibilità per progetti di sviluppo in tema di Economia Circolare

Il 7 Febbraio 2019 presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico a Roma sono stati presenti i risultati conclusivi dei due studi di fattibilità nell’ambito dell’economia circolare per lo sviluppo cooperativo, promossi da Invitalia e MiSE.

 

 

Il primo progetto, mirato al riciclo delle plastiche miste, è stato sviluppato da un gruppo di lavoro di cui hanno fatto parte ICIE Istituto Cooperativo per l’Innovazione, la cooperativa IDEALSERVICE, il CONSORZIO INTEGRA, INNOVACOOP e Material Scan. Lo studio, in particolare, aveva 3 obiettivi specifici:

  • l’allungamento della filiera delle plastiche miste;
  • la verifica di fattibilità tecnica, organizzativa e giuridica dell’utilizzo di nuovi materiali di recupero;
  • la replicabilità del modello.

Il secondo studio, mirato al recupero degli scarti in edilizia, è stato sviluppato dal gruppo di lavoro coordinato dalla cooperativa C.M.B. di Carpi, insieme a INNOVACOOP, Università di Modena e Reggio, le cooperative GRESLAB, FORNACE FOSDONDO e La città verde, ONGREENING LTD ed ERGO S.r.l.

Lo studio ha consentito di valutare la fattibilità tecnica ed economica della produzione e dell’utilizzo di prodotti ricavati attraverso l’impiego di scarti da attività di costruzione e demolizione e la predisposizione di un “Catalogo dei prodotti e delle soluzioni organizzative e tecnologiche” inseribili nei cicli produttivi.

25 febbraio 2019

 
©2014 Innovacoop
Legacoop Emilia-Romagna
CF 80040130371
Privacy
 
legacoop emilia romagna